CAMPIONATO ITALIANO REGOLARITA’ GRUPPO 5. TITOLO TRICOLORE A IVO ZORZITTO E PODIO PER ALTRI 8 PILOTI

Dal marzo a ottobre, da Castiglion Fiorentino (Arezzo) a Perino (Piacenza). Dopo sette gare, su sei tappe (in Sicilia erano due “giornate”), il campionato italiano di regolarità d’epoca Gruppo 5 ha calato il sipario, decretando i suoi vincitori. Tanti piloti d’antan, in sella alle loro gloriose “rugginose”: una “truppa” importante, che si è data battaglia su ogni terreno, fra prove speciali, trasferimenti e controlli orari. Per loro, per questi “solisti” della motoregolarità, va il nostro applauso. Soprattutto a quanti hanno rappresentato i colori bergamaschi, vestendo le casacche  di importanti squadre: scuderia Norelli del Mc Bergamo, scuderia Grumello Benini Vintage del Moto Club Bergamo, Motoclub Careter “Imerio Testori” di Nembro,  Motoclub Costa Volpino, MC Lago d’Iseo.

Si pensi che su 27 titoli in palio (25 individuali e due a squadre), ben 11 titoli hanno visto primeggiare i piloti “targati BG” e le squadre orobiche. Un successo, che la dice lunga sulla tradizione motociclistica “Made in Bergamo”. Solo le “briciole” ai vari MC Regolarità 70, MC Pantera, MC Pavia.

Ma andiamo a vedere chi sono i piloti “titolati” del MC Careter Nembro. Su tutti Izo Zorzitto, che ha fatto suo il titolo nella classe D6.

Inoltre, la Scuderia Norelli ha conquisto il titolo a squadre “VASO”, con la squadra A della Scuderia Grumello Vintage al terzo posto. Da segnalare, poi il secondo e il terzo posto conquistato dalla Scuderia Grumello Vintage A e B nel “TROFEO”, vinto dal MC Pantera.

Se poi, andiamo a verificare le piazze d’onore, beh quest’anno sono ben 4 i piloti che se la sono aggiudicata.

 

Giancarlo Melli (A3),

Valter Testori (C5)

Giorgio Maver (D1)

Massimo Licini (X1)

 

E ancora quattro sono terzi posti:

Pietro Gamba (B2)

Paolo Gandossi (C2)

Massimo Sfondrini (C6)

Ferdinando Lorini (D2)

Inoltre, due quarti posti nelle classifiche a squadre “VASO” e “TROFEO” con la squadra B (la squadra A è sesta)

 

 

 

 

 

 

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *