REGOLARITA’ D’EPOCA GRUPPO 5. TITOLI TRICOLORI PER VALTER TESTORI E ROBERTO PERERE (MC CARETER NEMBRO)

Una bella gara, quella andata in onda, il 9 settembre, a Casciana Terme (Pisa), quale ultima prova del campionato italiano regolarità d’epoca Gruppo 5. Una gara giustamente tosta, impegnativa, ma anche divertente, guidabile, come piace ai piloti “d’antan”, quelli impegnati nel circus della motoregolarità, vecchie volpi delle moto rugginose. Quindi, applausi ai responsabili del MC Valdera, e apprezzamenti da parti di tutti, in piazza Garibaldi, a Casciana Terme.

Proprio a Casciana Terme sono stati assegnati i titoli italiani che erano ancora rimasti in sospeso: ben 18 su 25, dato che sette erano già stati matematicamente conquistati con una giornata di anticipo nella penultima prova di Pietralunga (Paolo Maria Sala nella A4, Massimo Parrini in A5, Giancarlo Donadio in B3, Nazzareno Artifoni in C1, Pietro Caccia in C2, Valter Testori in C5 ed Enrico Maloberti in E2). Anche le due classifiche squadre, Vaso e Trofeo, hanno trovato i loro vincitori, dopo cinque prove speciali, 2 linee – la prima non era cronometrata – e tre cross test.

Ed eccoci alla cronaca, che ha regalato al MC Careter Nembro, guidato dal presidentissimo Adriano Rota Nodari ben due titoli tricolori 2018.

 Innanzitutto, con Valter Testori, nella classe C5, peraltro una conferma, visto che aveva già conquistato il titolo in Umbria con una gara d’anticipo. Infatti, a Casciana Terme lascia il gradino più alto del podio di giornata a Luigi Mazzoni, stranamente messo in gara per la prima volta in questa stagione dal MC Pantera, per aiutare il suo sodalizio a vincere la classifica Trofeo. Testori, classe 1963, di San Giovanni Bianco, ha vinto il titolo davanti a Mario Valsecchi e Giacomo Cremaschi (Scuderia Norelli Begramo), in gara solo nono. Per la classifica di giornata: Giorgio Contessi, del MC Costa Volpino, è quarto; Stefano Serra, del MC Careter è quinto; Massimo Peradotto, della Scuderia Norelli Bergamo, è decimo.

Il secondo alloro tricolore portato a casa dal MC Careter Nembro è arrivato da Roberto Perere, classe 1962, di Novate Milanese, che ha fatto sua la classe A3. Una vittoria caparbia, giunta sul filo di lana, grazie ad un secondo posto di giornata alle spalle di Fabio Parrini, che ha così dovuto accontentarsi della Medaglia d’Argento, dopo aver conquistato la sua quinta vittoria in campionato. Terzo di giornata e nella classifica tricolore Fabio Bedussi. Grande Perere, anche perché ha corso in non perfette condizioni fisiche.

Da segnalare, poi, che il MC Careter Nembro ha centrato anche due posizioni da podio nelle classifiche a squadre. Infatti, è risultato vice-campione italiano 2018 nel Trofeo, alle spalle del MC Pantera di San Casciano Val di Pesa (FI), ma davanti al MC Bergamo Grumello Benini Vintage A. Mentre nella speciale classifica del Vaso è giunto terzo, dietro il MC Manzano (Udine) e il Mc Bergamo Scuderia Norelli.

Così, poi, si sono chiuse le altre classi. Ben tre titoli di vice-campioni italiani 2018 con Maurizio Dominella, Daniele Meroni e Pietro Gamba. E sei terzi posti con Giancarlo Melli, Alfredo Gamba, Paolo Gandossi, Massimo Amadei, Massimo Sfondrini e Ivo Zorzitto. Insomma, un bel bottino: 11 piloti andati a podio.

A1. Il campione è Valerio Signorelli, della Scuderia Norelli Bergamo, che pur chiudendo quarto ha conquistato il titolo tricolore 2018. Giuseppe Milanesi è medaglia d’argento FMI. Nulla da fare per Alberto Rittà, della Scuderia Grumello Bergamo, che nonostante il secondo posto in toscana non è riuscito a recuperare lo zero dell’Umbria nella scalata al titolo.

In A2, confermato il titolo italiano per Alessandro Degano, primo di giornata, che vince su Maurizio Dominella, del MC Careter Nembro, secondo in campionato, ma quarto di giornata, dopo una brutta caduta in linea: medaglia di bronzo per Daniele Ceruti.

A4. Già matematicamente campioni Paolo Sala su Daniele Meroni e Giancarlo Melli, entrambi portacolori del MC Careter Nembro, la giornata pisana è andata a Marco De Eccher (Scuderia Grumello Bergamo), primo su Meroni e Melli.

A5. Massimo Parrini già con il titolo tricolore in tasca, ha vinto la sua settima gara dell’anno con i due portacolori della Scuderia Grumello del MC Bergamo Gianluca Corsini e Sergio Belussi rispettivamente secondo e terzo di giornata, come pure di campionato. Il loro compagno di club Lorenzo Corò è quarto di giornata, mentre Massimo Viganò, del MC Costa Volpino, è quinto di giornata.

B2. Alberto Gennaro, della Scuderia Norelli Bergamo,  ha conquistato la certezza matematica del titolo 2018, dopo aver chiuso secondo alle spalle di Alessandro Gritti. Gennaro è campione italiano davanti a Pietro (padre) ed Alfredo (figlio) Gamba, del MC Careter Nembro, rispettivamente secondo e terzo di campionato, con il giovane Alfredo costretto al ritiro dopo il primo giro.

B3. Giornata sfortunata per Giancarlo Donadio, già campione italiano 2018 in Umbria, che ha rotto la catena e gli strumenti per ripararla al secondo fettucciato, ma aiutato da un altro pilota è riuscito a ripararla e a ripartire chiudendo la gara pisana terzo. Vince il titolo su Gianluca Beccantini, ieri vincitore di giornata.

C1. Nazzareno Artifoni, anche lui già campione italiano prima dell’estate, non si è presentato in Toscana; altri si sono divertiti. Ha vinto Angelo Ceribelli, che così è secondo di campionato, davanti a Pierangelo Reboldi, terzo, di giornata e in campionato.

C2. Pietro Caccia, della Scuderia Grumello Bergamo, si era già laureato campione tricolore in Umbria. Ma a Casciana ha voluto strafare, vincendo su Piero Prado (Scuderia Grumello Bergamo) e Paolo Gandossi, del MC Careter Nembro.

C3. Marco Bianchi, della Scuderia Norelli Bergamo, si porta a casa il suo ottavo titolo, vincendo anche in Toscana (sei successi stagionali). Alle sue spalle si piazza Giulio Gambarini – in campionato e in gara – con Giuliano Butti terzo nel Tricolore FMI, ma quinto di giornata con Luciano Caselli sul terzo gradino del podio toscano. Giorgio Sironi, della Scuderia Grumello Bergamo, è ottavo di giornata.

C4. Settima vittoria dell’anno e titolo per Enrico Tortoli in C4 con Walter Bettoni (Scuderia Grumello Bergamo), ieri terzo dietro Giorgio Balzarini, medaglia d’argento e Lorenzo Troian quinto di giornata e terzo in Campionato FMI. Sesto di giornata Fabio Rubino, del MC Careter.

C6. Peccato per il bergamasco del MC Careter Nembro Massimo Sfondrini, a Casciana Terme solo quarto, che ha dovuto lasciare il passo a Giorgio Goldoni, che vince la gara e si impadronisce del titolo. Terzo posto tricolore per Michele Lorenzetti, secondo di giornata.

D1. Dominio di Federico Fregnan, che vince la sua sesta prova 2018, quinta consecutiva: indossa la medaglia d’oro FMI, mentre Mario

Negrini, ieri terzo dietro Sandro Pivetta, conquista l’argento; e il dalminese Massimo Amadei (MC Careter Nebro), ieri quinto, il bronzo. Solo ottavo di giornata Giorgio Maver, del MC Careter Nembro.

D2. Vince Giorgio Nembrini, del MC Costa, ma la gara in realtà è finita sub judice per un reclamo; per questo stesso motivo resta in sospeso il titolo italiano. Squalificato Ferdinando Lorini, del MC Careter Nembro, così le posizioni di giornata dei due norellisti Paolo Bregalanti (7°), Sauro Morbidoni (9°).

D3. Stefano Bosco vince la gara e il titolo con Gualtiero Brissoni (Scuderia Grumello Bergamo) secondo, in entrambe le classifiche, e Marco Pinoli terzo nel tricolore di categoria dopo il quarto posto di giornata alle spalle di Marco Costa. 18° di giornata Emanuele Feltre, del MC Costa Volpino.

D4. Vince la gara Alfredo Bottarelli, ma è Cesare Bernardi a far suo il titolo. Marco Calegari, della Scuderia Grumello Bergamo, è quarto di giornata.

D5. Il bresciano Fausto Scovolo conquista il suo primo titolo di Gruppo 5. Alle spalle di Scovolo, Osvaldo Armanni secondo anche di giornata e Maurizio Bettini, terzo in entrambe le classifiche.

Da segnalare, le posizioni di giornata di: Luca D’Adda (8°) della scuderia Norelli Bergamo, Giuseppe Mismetti (9°) della scuderia Grumello Bergamo; Giacomo Pezzotta (10°), della Scuderia Norelli Bergamo; Stefano Pasquini (16°), della Scuderia Norelli Bergamo); Renato Ghisalberti (14°) del MC Careter; Gabriele Comaita (17°) della Scuderia Grumello Bergamo; Dimetrio Labella (18°), della Scuderia Grumello Bergamo; Paolo Franzolini (21°), della Scuderia Norelli Bergamo.

D6. Philipp Sparer vince a Casciana Terme e torna in Friuli con il titolo italiano, mentre Alessandro Vaccari conquista la medaglia d’argento FMI, dopo il terzo posto in terra pisana. L’altro friulano Ivo Zorzitto, del MC Careter Nembro, quinto al traguardo, sale sul terzo gradino del podio FMI.

Posizioni BG di giornata: il norellisti Bruno Pellegrini (10°) e Pierangelo Granzotto (13°) della Scuderia Grumello Bergamo.

X1. Riccardo Terranova solo quarto in Toscana – ha corso con una clavicola fratturata – è costretto a cedere il titolo italiano al bravissimo Nicola Tetoldini, 24 anni, secondo di giornata, alle spalle del vincitore Alessio Migliorini. Terzo di giornata Paolo Sottosanti, della Scuderia Norelli Bergamo.

X2. L’outsider Gaetano Di Pace, vince la giornata, ma il titolo è di Alessandro Pierannunzi, del MC Costa Volpino, terzo di giornata.

X3. Enrico Maloberti già campione a Pietralunga, concede la vittoria di giornata a Christian Giovannelli,  chiudendo terzo alle spalle di Mario Rossi secondo in Campionato davanti a Sauro Artioli.

X4 Fra Ettore Rivoltella, secondo di giornata, e Andrea Purinan, terzo di gironata, la spunta il primo, che fa suo il titolo 2018. Colpa anche di Mauro Sant, che vince la sfida di giornata e, a sorpresa, sale sul podio di campionato in terza posizione.

E2. Titolo ad Alberto Tortoli, che ha solo soli 18 anni, e piazza d’onore per Riccardo Gravaghi, che ha 17 anni.

Nella T80RS Giorgio Volpi è di nuovo campione italiano: secondo a Casciana alle spalle di Mirko Marone, vincitore di giornata, indossa la medaglia d’oro e lascia a Marone l’argento, con Giorgio Iride – quarto ieri – terzo nel Tricolore FMI.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *